Apple domina il mercato dei tablet, Kindle Fire sarà il rivale? Attesa per l’iPad 3 (in arrivo a primavera)


A.GRADULONE

La fotografia del mercato delle tavolette, in attesa della prevista abbuffata natalizia, è almeno in Europa la seguente, secondo i dati elaborati dalla società di ricerca Context e aggiornati a tutto ottobre. Apple si prende ancora una fetta del 72% delle vendite (in primavera la quota della società della Mela era del 77,8%), la domanda è quasi interamente rivolta ai modelli con schermo da 10 pollici e la concorrenza avanza seppur a rilento, all’insegna di prodotti come il Galaxy Tab di Samsung, l’Eee Pad di Asus e gli Iconia Tab di Acer.

Dell’iPad molti aspettano ormai l’avvento del modello di terza generazione e gli ultimi rumors in tal senso confermano la tesi secondo questo sarà lanciato entro i prossimi tre/quattro mesi. L’inizio della produzione della nuova tavoletta (si parla di due distinti modelli), inizierà stando a DigiTimes a gennaio nelle fabbriche della Foxconn e dovrebbe garantire ad Apple una disponibilità di 10 milioni di pezzi entro la fine del primo trimestre 2012.

In casa Google, invece, c’è molta curiosità per capire come evolveranno le strategie (e le performance di vendita) dei produttori che hanno sposato la causa della piattaforma Android. Per una Dell che ha cancellato il progetto Streak (tavoletta consumer da 7 pollici) e che sembra orientata a lavorare solo su Windows 8, c’è una Amazon che va parecchio di corsa.
Secondo gli analisti di NPD Group, infatti, il Kindle Fire farà proprio il 50% del mercato dei tablet Android nel 2012, migliorando ulteriormente i risultati previsti entro la fine di quest’anno, per cui si prevedono a consuntivo oltre cinque milioni di pezzi venduti, rispetto ai 14 milioni stimati per l’iPad. Il mercato ha finalmente trovato il vero rivale di Apple? Può darsi, con tutti i distinguo del caso. Che il modello della tavoletta multimediale a basso prezzo (quella di Amazon costa 199 dollari) stia facendo proseliti presso l’utenza lo dimostrano però anche i numeri del Nook Tablet di Barnes & Noble (anch’esso basato su Android), già prodotto a Taiwan in un milione di esemplari (contro gli 800mila a suo tempo stimati entro fine anno) per soddisfare ordini ben sopra le aspettative.

L’arena dei tablet si appresta quindi a conoscere e a premiare altri pretendenti, meno roboanti nel nome ma con in tasca, almeno sulla carta, gli elementi giusti per convincere i consumatori a guardare oltre l’iPad e i soliti noti. Una news entry che merita una segnalazione in tal senso è il tablet, con schermo multitouch capacitivo da 7 pollici, nato dalla collaborazione fra l’americana MIPS Technologies e la cinese Ingenic Semiconductor. Basato su Android 4.0 “Ice Cream Sandwich” e con a bordo processore a basso consumo di tipo SoC (system on chip) da 1 GHz, questa tavoletta ha il suo plus dichiarato nel prezzo, fissato sotto i 100 dollari. Al momento è venduto solo in Cina dalla Ainol Electronics ma nei prossimi mesi è atteso nei negozi Usa e, pare, anche in quelli del Vecchio Continente.