Facebook e il Web: nuovi sbocchi professionali per i giovani in cerca di lavoro


Image representing Facebook as depicted in Cru...

Image via CrunchBase

In un mondo sempre più in crisi, dove ogni giorno aziende chiudono licenziando migliaia di persone, c’è chi è stato in grado di sfruttare il successo dei social network e soprattutto di Facebook per creare un giro d’affari di oltre 15 miliardi e 232 mila posti di lavoro.

Facebook e il Web: nuovi sbocchi professionali per i giovani in cerca di lavoro

Questo è quanto emerge dal rapporto Deloitte commissionato da Facebook. Ebbene, il social network più frequentato al mondo, che conta oltre 800 milioni di iscritti (di cui 21 milioni in Italia) e che punta a raggiungere la quota del miliardo di utenti entro pochissimi mesi, nella sola Europa ha creato un giro d’affari pari a 15,3 miliardi di euro e ben 232 mila posti di lavoro.

Secondo lo stesso rapporto, l’Italia è uno dei paesi che ha saputo sfruttare maggiormente questo fenomeno con un giro d’affari di 2,5 miliardi di euro e 35 mila posti di lavoro, pari a circa il 16 % del totale europeo.

Deloitte ha basato la sua stima considerando soprattutto quattro aspetti differenti: l’impatto diretto (dipendenti, uffici, attrezzature e fornitori), la business partecipation, le aziende che sviluppano applicazioni per Facebook e l’impatto che ha sull’acquisto di nuove tecnologie da parte degli utenti, come smartphone e tablet.

La business partecipation è praticamente il vantaggio economico che le aziende acquisiscono con la loro presenza sul social network. Le pagine personali e gli annunci pubblicitari su Facebook contribuiscono alla crescita delle aziende creando un indotto che in Italia è stato calcolato in 1,6 miliardi di euro per un totale di circa 21 mila posti di lavoro.

Nella business partecipation l’Italia si è classificata al primo posto e tra le aziende che ne hanno saputo sfruttare questa nuova opportunità troviamo Banca Ifis, 4WDItalia e FotoDiscount.