Per Nokia oltre un milione di Lumia venduti ma l’iPhone è ancora lontano


Nokia: oltre un milione di Lumia venduti. Parte la rincorsa dei Windows PhoneNokia: oltre un milione di Lumia venduti. Parte la rincorsa dei Windows Phone

Le vendite del primo telefonino Nokia con a bordo il sistema operative mobile di Microsoft sarebbero andate bene a tal punto da restituire fiducia agli investitori, sin d’ora più confidenti nelle prospettive a breve medio termine della casa finlandese, che nel corso del 2011 ha visto il valore del proprio titolo scendere del 52% e perdere qualcosa come 19 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

Nokia, in altri termini, avrebbe già intrapreso la strada della ripresae secondo una stima elaborata da Bloomberg sulla base dei dati forniti da 22 diversi analisti il numero di smartphone Lumia (in commercio in Europa da novembre) spediti a carrier telefonici e retailer sarebbe arrivato a fine dicembre scorso a quota 1,3 milioni. Sfiorando quelle, stimate a 1,4 milioni, della serie N9, presente a catalogo sin da settembre.
Un numero promettente secondo alcuni esponenti della comunità finanziaria, inclini oggi ad avvalorare la tesi sempre sostenuta dal ceo di Nokia Stephen Elop, per cui il matrimonio con Microsoft (e il conseguente “abbandono” della storica piattaforma Symbian e di quella open source MeeGo) costituiva il passaggio obbligato per ridare slancio al ruolo del gigante scandinavo nel mercato degli smartphone. Al cospetto di Apple e dei suoi iPhone e dei tanti produttori (Samsung in testa) legati a Google ed al sistema Android.

 

Image representing Nokia as depicted in CrunchBase

Image via CrunchBase

Da Nokia, di numeri relativi agli smartphone Lumia, non ne sono al momento usciti. Ma la sensazione è che le quotazioni del primo vendor al mondo di cellulari – complice anche le difficoltà di alcuni concorrenti, leggi Research in Motion – siano in ascesa dopo che nei due trimestri antecedenti il lancio del primo telefonino equipaggiato con Windows Phone le vendite di smartphone Symbian sono calate del 36%. Con effetti sensibili (in negativo) su ricavi e profitti.

English: Picture from the Samsung Omnia 7 (als...

Image via Wikipedia

Nokia, che annuncerà i risultati del quarto trimestre questa settimana, è quindi attesa al varco. Le indiscrezioni danno la casa finlandese in rosso di oltre 90 milioni di euro in considerazione del fatto che le entrate complessive sarebbero scese nell’ordine del 20%, a circa 10 miliardi di euro. Un bilancio in perdita che però, se il trend di vendite dei Lumia (all’ultimo Ces di Las Vegas ha debuttato sotto l’ombrello di At&T il nuovo modello 900 4G, presto in commercio negli Usa) dovesse essere confermato, sarebbe presto cancellato dagli utili previsti sin dal prossimo quarter, che si chiuderà a fine marzo. Molto dipenderà, dicono gli analisti, da come Nokia giocherà le proprie carte nella fascia “entry” del mercato smartphone, dove è posizionato il modello 710 (il cui prezzo è di 270 euro), mentre il Lumia 800 (sui listini a 420 euro) se la deve vedere con i best seller Android come il Galaxy S2 di Samsung.

La casa finlandese, in ogni caso, è accreditata di poter vendere (al canale) oltre tre milioni di Windows Phone in questo primo trimestre dell’anno (dato che rappresenta la media di una forbice compresa fra 1,5 e 5,9 milioni di unità) ma c’è da capire quanti di questi finiranno realmente nella mani dei consumatori finali. Apple, per avere un termine di paragone, ha spedito sul mercato circa 30 milioni di iPhone solo nell’ultimo trimestre del 2011, un numero di poco inferiore al totale di Windows Phone (37 milioni, di cui oltre la metà prodotti e venduti da Nokia) che dovrebbero finire – la stima è di Morgan Stanley – nei negozi in tutto il 2012. Pensare oggi che, entro il 2015, gli smartphone motorizzati con il sistema operativo di Microsoft possano – come si legge nell’ultimo report di Ihs iSupply – superare per quote di mercato gli iPhone di Apple (16,7% contro 16,6%, con Android a prendersi il 58,1% della domanda) è forse un po’ prematuro.