Google venderà online tablet con Android in funzione anti iPad


Image representing Google as depicted in Crunc...

Image via CrunchBase

Google ha in cantiere una vetrina su internet per vendere tablet: sarà varata in collaborazione con produttori asiatici di hardware. E in questo modo preme sull’acceleratore per diffondere il suo sistema operativo, Android. Due partner potrebbero essere Samsung e Asus. È un’indiscrezione segnalata dal quotidiano economico Wall Street Journal. Che rivela un giro di vite nella competizione con Apple e Amazon.

In precedenza Google aveva già aperto un negozio online dove era acquistabile un suo smartphone, Nexus One. Ma l’iniziativa non è proseguita. Da allora Android ha conquistato la metà del mercato degli smartphone nel mondo, secondo le ultime rilevazioni della società d’analisi Gartner. Ha ancora strada da fare con i tablet. E punta al rilancio con una sua vetrina online. Un’analisi dell’Associazione americana degli editori (Aap) mostra che il 19% degli adulti negli Stati Uniti ha un tablet e un lettore digitale: è un salto in avanti avvenuto dopo le ultime ferie natalizie.

Google non resta indietro. Può contare sul supporto dei colossi asiatici. Con Samsung ha una lunga esperienza attraverso il Galaxy Note. E Asus rientra nella lista dei partner per la produzione dei Chromebook. La posta in gioco è il mercato pubblicitario: l’anno scorso “Big G” ha ricavato 2,5 miliardi di dollari dalle inserzioni commerciali mostrate sui dispositivi mobili. In particolare, secondo il Wall Street Journal, Google prevede di contribuire anche al finanziamento di tablet a basso costo. Nel mirino è il Kindle Fire di Amazon. Accelera l’integrazione con l’hardware. Il cambio di passo inizia con l’arrivo al vertice di Larry Page. L’acquisizione di Motorola Mobility per 12,5 miliardi di dollari la scorsa estate abilita avvicina le linee di produzione dei dispositivi mobili.

Ma Google, ha rivelato di recente il New York Post, prevede di cedere le attività dei set-top-box per la televisione, dove invece allunga il passo con il suo sistema operativo Android e ulteriori investimenti sui canali originali di YouTube. Ha in cantiere il lancio di una piattaforma hardware per la fruizione di musica e video, dopo il varo dell’archivio Play, un megacontenitore per film, canzoni, applicazioni software e libri. Prosegue con progetti sperimentali, come gli occhiali per la realtà aumenta. E la sua prossima conferenza dedicata agli sviluppatori software, Google I/0, sarà un trampolino di lancio per l’espansione dal software all’hardware.