iPhone 5, come i milioni venduti


Superata la soglia dei 5 milioni di pezzi in un solo week-end ma l’accoglienza in borsa è tiepida

Qualsiasi altro produttore (fatta eccezione per Samsung e il suo Galaxy S III) avrebbe festeggiato con ostriche e champagne e il valore sue azioni sarebbe schizzato verso l’alto. Ma non è il caso di Apple che, nonostante i i 5 milioni di iPhone 5 venduti in soli tre giorni, deve fare i conti con un flessione in borsa di un punto percentuale. Colpa, se così si può dire, degli analisti che attendevano vendite record (dai 6 a 10 milioni di unità) e che hanno invece dovuto ricredersi.

Apple Inc.

Apple Inc. (Photo credit: marcopako )

Eppure le file davanti ai negozi ci sono state, da New York fino al Giappone, passando per Australia e buona parte dell’Europa (In Italia arriverà il 28 settembre). Insomma, il miracolo non si è ripetuto e sebbene ci sia tempo per riprendersi l’impressione è che il nuovo melafonino non riuscirà a migliorare le performance dei modelli precedenti.I motivi sono quelli già sottolineati da molti, compresa la poco favorevole congiuntura economica, le critiche per quanto riguarda il nuovo connettore (l’adattatore per i vecchi accessori viene venduto a 30 euro) e i problemi con l’applicazione mappe.