MacBook Pro 13″ con schermo Retina: ecco come cambiano i portatili di Apple


Schermi ad alta risoluzione, più memoria, archiviazione flash, design ancora più minimale. Ma insieme ai nuovi portatili rimangono a listino anche i modelli più tradizionali.

 

Non solo iPad: la presentazione di Apple di ieri sera ha visto aggiornamenti anche per la linea di computer Mac. La novità più importante (ed attesa) consiste nell’arrivo di un secondo portatile con schermo ad altissima risoluzione, il MacBook Pro 13 pollici con display Retina che si aggiunge al modello da 15″presentato a giugno.

Lo schermo Retina del nuovo portatile ha una dimensione di 2560 x 1600 pixel, quattro volte quelli dell’attuale MacBook Pro 13″ e quasi il doppio rispetto a un televisore HD. La densità è di 227 pixel per pollice, talmente alta che secondo Apple l’occhio umano non è in grado di distinguere i singoli pixel da una normale distanza. Il display si avvale inoltre della tecnologia IPS per un angolo di visualizzazione di ben 178 gradi, ha il 75% di riflesso in meno e il 29% di contrasto in più rispetto alla generazione precedente.

Il MacBook Pro 13″ con display Retina monta processori Intel Core i5 a 2,5 GHz o, su richiesta, deiCore i7 a 2,9GHz, una scheda grafica integrata Intel HD Graphics 4000, ha 8 GB di memoria(non aggiornabili, a differenza del modello da 15″ Retina) e fino a 768 GB di archiviazione flash su SSD (memorie a stato solido).

MacBook Pro Retina 13" e 15" - porte di input/output

Per l’input/output sono presenti due porte Thunderbolt – per cui sono finalmente disponibiliadattatori verso Firewire e Ethernet -, due porte USB 3.0, una porta HDMI e uno slot SDXC card. Il portatile include una videocamera FaceTime HD, due microfoni, altoparlanti migliorati, connettivitàWi-Fi 802.11n a tre stream e supporto per Bluetooth 4.0. Secondo Apple l’autonomia arriva “fino a 7 ore di produttività wireless” e lo standby “fino a 30 giorni”.

Come già successo a giugno per il MacBook Pro da 15″ anche in questa occasione Apple ha realizzato un nuovo design compatto che, anche grazie alla rimozione dell’unità ottica, conferisce al MacBook Pro 13″ Retina uno spessore di solo 1,9 cm (invece di 2,41) e un peso di 1,62 Kg (invece di 2,06), ovvero 5 cm più sottile e quasi mezzo chilo più leggero rispetto all’attuale MacBook Pro 13″, che rimane a listino.

MacBook Pro Retina e MacBook Pro

L’offerta di portatili professionali di Apple rimane per ora sprovvista di un modello con schermo da 17 pollici e offre due versioni dei MacBook Pro da 13″ e 15″, che si distinguono principalmente per l’adozione o meno dello schermo Retina e per le memorie di massa: sui nuovi ci sono solo SSD mentre i modelli più tradizionali offrono anche dischi tradizionali e lettore/masterizzatore di supporti ottici.

Il MacBook Pro 13 pollici con display Retina è già disponibile presso gli Apple Store e rivenditori autorizzati. Il prezzo parte da 1779 Euro per la versione con processore dual-core Intel Core i5 a 2.5 GHz, 8 GB di memoria e 128 GB di archiviazione flash. Per il modello non Retina, il prezzo parte invece da 1279 Euro nella versione con Intel Core i5 dual-core a 2,5GH, 4 GB di memoria, disco rigido da 500 GB e SuperDrive 8x che legge e scrive DVD e CD. Per i MacBook Pro da 15″ pollici si parte rispettivamente da 2299 Euro e 1899 Euro. Tutti i prezzi sono IVA e imposte incluse.