Evasi0n, il Jailbreak più sofisticato della storia dell’iPhone


In un interessante articolo pubblicato da Forbes, i creatori di Evasi0n -il tool che rende possibile il Jailbreak di iOS 6.1– raccontano com’è stato possibile raggiungere lo scopo. E stando a quanto riferiscono, siamo di fronte all’hack più sofisticato della storia dell’iPhone. Ecco come nasce.

Evasion-jailbreak-586x334

Evasi0n è stato un vero e proprio successo. In poche ore, dal momento della release pubblica, si sono registrati subito centinaia di migliaia di accessi contemporanei sul sito ufficiale dell’app e soprattutto 1,7 milioni di installazioni 24 ore circa. Cydia, per dire, ha raggiunto il record storico di 14.000 accessi simultanei, e questo spiega i tanti errori durante l’aggiornamento delle repo e i tempi biblici di download.

Al di là delle cifre, tuttavia, la parte più interessante è certamente il resoconto di David Wang, uno dei quattro membri dell’ Evad3rds Team, che racconta:

Evasi0n altera il socket che consente ai programmi di comunicare con un programma chiamato Launch Daemon (abbreviato in “launchd”), un processo fondamentale che viene caricato subito al momento dell’accensione del dispositivo e che può lanciare applicazioni che richiedano privilegi di “root.” E notate bene: tale passaggio avviene al di là del controllo che l’OS garantisce di default agli utenti. Ciò implica che, all’avvio di ogni ciclo di backup mobile, l’OS fornisce a tutti i programmi l’accesso al file del fuso orario e, grazie al trucco del link simbolico, accesso a launchd.