Htc One, arriva il nuovo top di gamma


Dai taiwanesi uno smartphone elegante e innovativo per sfidare Apple e Samsung

In attesa del Mobile World Congress, che si apre lunedì prossimo, molti produttori hanno già cominciato a presentare i telefoni del 2013. Così a Barcellona non sarà il caso di aspettarsi grosse novità da parte di Samsung, Blackberry, Sony, Nokia, che hanno già lanciato i nuovi modelli o lo faranno a breve. E oggi anche Htc ha svelato a New York e Londra il nuovo top di gamma, One.

 

 htc-one-black-white-640x492

“Tutta la nostra migliore tecnologia sta in un telefono sottilissimo, da 9 a 4 mm in una struttura curva”, spiega Graham Wheeler, direttore Product Management dell’azienda taiwanese. “Ha un display full hd da 4,7 pollici, ma è più piccolo degli altri”. Scocca in alluminio, frontale in Gorilla Glass, specifiche tecniche da top di gamma, come il processore quad-core Qualcomm Snapdragon a 1.7GHz.

 

Il nuovo Htc One è una sfida all’iPhone (cui in qualche modo assomiglia, almeno nelle foto), ma soprattutto il tentativo di contrastare lo strapotere di Samsung e del Galaxy S3: così il display ha una risoluzione da record (468 ppi), la ram è ai massimi livelli (2GB), ma pure il sistema operativo è molto avanzato. Su una base Android, Htc ha pensato un’interfaccia innovativa, che consente di integrare notizie dai social network e siti web in un unico flusso sempre aggiornato: si chiama Blinkfeed e nelle parole di Wheeler è “nato studiando il modo in cui la gente oggi consuma le informazioni”. Le fonti di notizie integrate nel sistema sono oltre 1400, personalizzabili con l’uso, come negli aggregatori di news più recenti. Oppure come nei Live Tiles di Windows Phone 8.

 

Interessanti innovazioni anche nella fotocamera: “Tra i più giovani i video sono diffusi più delle foto, così abbiamo provato a mettere insieme le due cose”, racconta Wheeler. La soluzione si chiama Zoe e permette di scattare foto ad alta risoluzione che prendono vita in mini-video da tre secondi. Questi Zoes (foto e video) vengono poi visualizzati nella galleria come immagini in movimento, ed è possibile anche creare automaticamente una clip da 30 secondi che riunisce più Zoes, messi in musica con tagli d’autore, transizioni ed effetti professionali. Questi video possono essere remixati o avere diverse ambientazioni e condivisi attraverso social network, e-mail e altri servizi.

 

Se altri smartphone top arrivano ormai a 13 Megapixel, Htc sceglie una strada diversa, sviluppando una fotocamera con obiettivo f/2.0 e un sensore in grado di raccogliere il triplo della luce rispetto ai sensori tradizionali, perfetto quindi per le foto al buio o in penombra. Poi c’è il software: come sul Blackberry Z10, si può scegliere di una parte di una foto e integrarla con un’altra, navigando tra più scatti ripresi in successione rapidissima. Così, ad esempio, si può scegliere il volto di chi sorride nel primo scatto e cancellare lo sbadiglio di un’altro nel secondo: con un po’ di lavoro, le foto di gruppo saranno sempre perfette.

 

“Ma abbiamo puntato anche sul suono: abbiamo migliorato la tecnologia per registrare e per la prima volta due altoparlanti stereo con amplificatori dedicati e due microfoni. Uno per i dettagli, uno per le situazioni più rumorose. E le chiamate sono chiarissime anche in luoghi trafficati”, osserva ancora Wheeler.

 

Sense Tv fa poi del nuovo smartphone Htc una guida ai programmi interattiva e capace di controllare la maggior parte dei televisori, set-top box e ricevitori. Proprio come un telecomando, grazie al trasmettitore infrarossi (non è proprio una novità, c’era già su alcuni modelli Nokia di qualche anno fa, ma era praticamente inutilizzato). Sfruttando la potenza del cloud, Sense Tv rende semplice ed intuitivo vedere che cosa è in onda e trovare il proprio programma preferito. E anche commentarlo sui social network, naturalmente.

 

Julian Jest, Research Analyst di Informa Telecoms & Media, commenta così il nuovo top di gamma di Htc: “L’annuncio è stato dato al momento giusto – le vendite di iPhone stanno rallentando e gli utenti avanzati sono alla disperata ricerca di dispositivi più innovativi. Tuttavia, Htc deve calibrare bene il prezzo (ancora non reso noto, ndr.). È improbabile che gli operatori sostengano un dispositivo che avranno bisogno di sovvenzionare pesantemente – specie se arriva da un produttore che ha lottato per competere con Samsung, leader di mercato sul sistema operativo Android”.

 

Vedremo a metà marzo, quando l’Htc One arriverà nei negozi. Ma sulla carta è indubbiamente un apparecchio che ha parecchie chance di successo.